Inudstry-concept

Economia circolare

   
AITI
< Indietro

L’economia circolare è un’economia pensata per potersi auto-rigenerare, un sistema economico pensato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo gli scarti fino allo “zero waste”.

Un concetto affascinante che cerca di ottimizzare l’apporto di energia e di materiale in entrata nei processi produttivi e di minimizzarne gli scarti in uscita.

Un ripensamento del paradigma del nostro sistema economico, abituato piuttosto a processi lineari che pensano a massimizzare l’output rispetto ad una data quantità di input.

AITI_Economia circolare

I suoi principi fondamentali sono:

  • Progettare lo scarto come fonte di materia prima (in gergo: materia prima seconda). Produrre tessuti con gli scarti delle arance, oppure carta con le alghe o con gli scarti della lavorazione della pelle. Recuperare pneumatici per l’asfalto, aree gioco per bambini, ecc.
  • Limitare lo “spreco d’uso” del prodotto. Condivisione d’uso come il car-sharing, lo scambio di appartamenti, il leasing a breve termine.
  • Arrestare la morte prematura della materia. Fairphone come primo telefono che garantisce longevità. Patagonia che lancia il motto “riparare è bello” ed insegna a riparare i propri prodotti.

La transizione verso l’economia circolare è sostenuta da un numero crescente di iniziative e di politiche e nei prossimi anni il trend è destinato a creare un numero interessante di posti di lavoro.

Ma è davvero possibile per tutti avviarsi verso questo nuovo modo di pensare alla propria sostenibilità? Sicuramente sì, se pensiamo all’impresa come a un sistema che ha un impatto sul suo macroambiente.

Esistono imprese che rispondono a bisogni concreti del mercato ma che non riescono a ripensarsi per via di infrastrutture e tecnologie che non permettono l’eliminazione di scarti e impatti ambientali negativi. Queste aziende, se ci limitassimo a vederle con il paraocchi, dovrebbero essere additate come nefaste e indesiderate. Se ci concedessimo invece l’opportunità di vederle per intero e considerassimo la globalità del loro impatto sull’economia, sulla società e sull’ambiente, potremmo avere gradite sorprese.

Allargando il campo visivo e misurando le imprese per l’impatto complessivo in termini di sostenibilità, scopriremmo aziende che crediamo virtuose non interessarsi minimamente alle condizioni di lavoro praticate dalla loro filiera di fornitura e aziende dall’alta ciminiera che partecipano attivamente a programmi di sviluppo sostenibile.

AITI_ economia circolare e impresa

Partecipare può voler dire progettare, mettere risorse e competenze a disposizione, finanziare, oppure anche diffondere e promuovere progetti ad alto impatto. Sia sul suolo svizzero, sia all’estero.

Uno di questi progetti – nato da una start-up innovativa con lo scopo di promuovere e realizzare l’economia circolare – sta lottando per farsi strada in Ticino (vedi anche “Tutto si trasforma”). A Tesserete un esercito di simpatici insettini (mosca soldato nera) produce in via sperimentale farine per mangimi per animali, concime e biocarburante a partire da rifiuti organici, provenienti dall’industria e dalle economie domestiche. Senza l’uso di materie prime e senza produrre rifiuti.

È in pieno svolgimento una campagna di crowdfunding a sostegno dell’ampliamento della capacità di produzione della “regina della bioconversione” (la mosca soldato) con l’obiettivo di realizzare una piccola rivoluzione per rendere circolare la filiera alimentare.

ISS Facility Services quadrato

Altri articoli del blog