Inudstry-concept

L’e-commerce manager: un ruolo per l’online

   
AITI
< Indietro

Complice la pandemia e la chiusura dei negozi che hanno accompagnato la popolazione fino a ora, gli acquisti si fanno sempre più online. L’e-commerce stava già prendendo piede, ma con il nuovo coronavirus e il lockdown, sempre più persone hanno deciso di effettuare i loro acquisti negli shop online dei loro negozi preferiti, alimentari inclusi. Da questa nuova esigenza dei consumatori nasce, oltre la necessità di nuovi siti web con inclusi e-shop, anche una nuova figura professionale: l’e-commerce manager.

L’e-commerce manager si occupa di tutti i settori legati agli acquisti online, cioè coordina tutti i reparti – dal customer care all’anlisi dei dati – delineando la strategia per aumentare e migliorare le vendite web.

L’e-commerce manager un ruolo per l’online

Si può pensare che questo nuovo ruolo sia necessario solo temporaneamente e che una volta tornati alla normalità non sarà più fondamentale nelle aziende che venderanno maggiormente offline e dunque riporteranno i propri consumatori nei loro negozi. Un pensiero errato considerando che l’online sta diventando sempre più parte della quotidianità e molti clienti difficilmente abbandoneranno questa via, almeno parzialmente. L’e-commerce manager si occupa dunque della business unit dedicata all’online. Non solo indaga i bisogni e le preferenze di acquisto dei consumatori per comprendere le strategie da adottare, ma coordina un team per dirigere correttamente l’intero progetto di e-commerce. L’ “e-manager” analizza le tendenze del mercato di riferimento, aggiorna il settore della vendita online e dunque deve essere in grado di conoscere e saper analizzare dati, utilizzare strumenti digitali, ma anche di dimostrate grandi capacità gestionali, nonché vantare di buone competenze di marketing.

e-commerce manager un ruolo per l’online

Come ha evidenziato Adecco group Italia sul blog Morning Future, diventare e-commerce manager è attualmente un grosso problema. Una figura così dinamica, multidimensionale e flessibile richiede una formazione ad hoc che tutt’ora non esiste. Lo spettro di conoscenze così diversificate costituisce dunque un ostacolo nel trovare la giusta persona che possa ricoprire efficentemente il ruolo. La causa è proprio la crescente richiesta di questa figura professionale causata dal coronavirus e che purtroppo ha trovato le aziende e le università impreparate. Ancora territorio inesplorato, la figura dell’e-commerce manager necessita una formazione adeguata per migliorare gli shop online e l’esperienza di aziende e consumatori. La proliferazione del bisogno di creare e-commerce e la conseguente necessità di avere una figura in grado di gestire il complesso sistema ha portato così a un gap formativo. Tuttavia, le imprese si stanno mobilitando per comprendere e creare commerci online sempre più efficaci ed efficienti, utilizzabili facilmente dal consumatore. In futuro, la figura dell’e-commerce manager sarà dunque una presenza fissa nelle imprese che continueranno ad indagare e utilizzare uno shop online, per accontentare tutti i loro clienti.

 

supsi TREX

Altri articoli del blog